MENÙ DI PASQUA E PASQUETTA 2022

17 e 18 aprile 2022


il benvenuto

La nostra bolla il “Brut Mus” accompagnata dai

mini cannoli farciti con punte di asparago variegato, tuorlo e lime

a tavola

Puntarelle, bacon friulano croccante, uova di quaglia e salsa al lampone

La vellutata di zucca con il crostino rustico e la bottarga di muggine

Garganelli freschi, crema di piselli e fave, ravanelli di stagione e

Montasio stravecchio Dop

Spezzatino di agnello al cartoccio con crema di patate dolci al timo

Sfera di cioccolato fondente, colomba di pasqua e mousse di fragole


Prezzo € 50,00 a persona.

Acqua e caffè inclusi

PRENOTAZIONI:

Tel. 0432 674421

E-mail: ristorante@agriturismoscacciapensieri.it

Marina Danieli Wine Club – Selezione primaverile 2022

La primavera secondo Marina Danieli

“La primavera è l’urlo d’amore della natura.”

La primavera porta con se meravigliosi colori nei paesaggi. Le giornate iniziano ad intiepidirsi e ad allungarsi, permettendoci di godere più a lungo della calda luce del sole.

Il periodo che stiamo vivendo è tutt’altro che semplice sotto moltissimi punti di vista; il nostro intento, anche questo mese, è quello di farti entrare nella nostra azienda, la nostra Famiglia, e farti passare in secondo piano, per qualche minuto, le catastrofi che la vita ci sta mettendo di fronte.

In campagna i ragazzi si stanno occupando della potatura e, appena le piogge ci faranno visita, procederemo alla piegatura dei capi a frutto. Questa viene fatta in maniera mirata a seconda delle varietà, al fine di esaltare maggiormente le caratteristiche organolettiche di ogni specie.

La cantina è in pieno fermento dall’inizio dell’anno, stiamo lavorando molto bene e con grande entusiasmo. Da qualche mese siamo anche entrati, con il nostro Cabernet, all’interno della rinomata catena di ristoranti “Roadhouse Restaurant”. Ne siamo molto orgogliosi, e ci auguriamo che questo sia solo l’inizio di importanti collaborazioni!

Ti presentiamo lo Chef del nostro ristorante Scacciapensieri: Nicola Bertossi

Anche questo mese desideriamo farti conoscere una delle persone che compongono la nostra grande Famiglia, ci spostiamo all’interno Ristorante Scacciapensieri.

“Al Ristorante Scacciapensieri ho ritrovato casa, un ambiente fantastico tra i vigneti delle colline di Buttrio. Una passione nata quando avevo 6 anni osservano e aiutando la mia cara nonna materna. È lei ad avermi insegnato ad apprezzare i prodotti della terra e del mio territorio. Ho percorso tante strade per migliorarmi partendo dai ruoli più umili fino a seguire grandi sogni e grandi maestri della cucina, in Italia e all’estero. Ora, qui a Buttrio, nel ristorante Scacciapensieri, assieme alla famiglia Danieli, voglio far riscoprire i pilastri della tradizione con tocchi di modernità; è una continua ricerca del prodotto giusto per offrire un’esperienza genuina.” – Nicola Bertossi

La selezione primaverile

Friulano DOC Friuli Colli Orientali 2018

Emblema della nostra regione, le uve con cui si ottiene questo vino si trovano nell’anfiteatro de Le Clama che gode di un’esposizione invidiabile! Un vino di sostanza, buon corpo e armonia; al naso vengono esaltati i profumi mandorlati e fruttati tipici della varietà, in bocca è secco e di buona acidità.

Azzeccato l’abbinamento con le “Lasagne vegane” che fanno uscire la nota vegetale del vino.

Pinot Grigio DOC Friuli Colli Orientali 2020

Uno dei nostri ‘cavalli di battaglia’. Il vigneto ‘K2′ è la location dove trovano dimora le vecchie piante del 1972 che producono grappoli di Pinot Grigio tutt’oggi incredibili. Lasciati incantare dal colore ramato brillante, al naso dando un po’ di ossigeno al bicchiere si sprigionano sentori floreali che ricordano i fiori del pesco, in bocca è potente ma allo stesso tempo molto elegante.

Abbinatelo agli “Gnocchi freschi di patate con crema di ceci e cipolla di Tropea, filetti di Aringa, mirtilli di bosco e bottarga di Muggine” dello Chef Nicola.

Schioppettino DOC Friuli Colli Orientali 2019

Poche bottiglie di un vino perfetto per essere gustato in qualsiasi occasione. La fermentazione avviene in acciaio, come anche l’affinamento; elegante, pulito e armonico, di bella acidità e con sentori di frutti di bosco. Spesso definito ‘il Pinot Nero del Friuli’ per le caratteristiche che lo richiamano in maniera molto semplice.

Può essere degustato in maniera molto rustica durante un aperitivo a base di crostini con il salame, oppure con la regionale Pitina (presidio Slow Food).

RISTORANTE SCACCIAPENSIERI: la ricetta per il mercoledì delle Ceneri

Gnocchi freschi di patate con crema di ceci e cipolla di tropea, Filetti di Aringa, mirtilli di bosco e bottarga di Muggine”

Ingredienti per 4 persone:

Gli gnocchi di patate
500 g di patate fresche (rosse consigliate)
120/150 g di farina 00
1 uovo (grande) sbattuto
Noce moscata q.b.
Sale q.b. (un pizzico)

Il condimento e l’arredo
300 g di Ceci
200 g di Aringa
125 g di Mirtilli freschi
Sale e Pepe q.b.
Zucchero Semolato q.b.
1 Cipolla di Tropea
Olio evo q.b.

Ricetta

Stufate per qualche attimo i mirtilli con un cucchiaio di zucchero e frullateli.


Preparazione degli gnocchi di patate

Prima di tutto, bollite le patate con tutta la buccia in abbondante acqua fredda per circa 20 – 25 minuti. Scolatele solo quando risultano morbide sotto i rebbi della forchetta.

Scolate le patate, eliminate la buccia prima di schiacciarle per avere una purea priva di residui e lasciate poi intiepidire. Utilizzate uno schiacciapatate. Se le patate sono quelle
giuste la polpa risulterà asciutta. Ricavate una purea asciutta e fatela raffreddare in una ciotola per almeno 10 minuti, finché non risulta abbastanza fresca al tatto, la purea fredda assorbe meno farina.
Aggiungete quindi il sale, l’uovo sbattuto, la farina e la noce moscata.

Impastate pochissimo e velocemente, giusto il tempo di assemblare tutti gli ingredienti (lavorare troppo l’impasto lo rende colloso), formate una palla e realizzate subito i vostri gnocchi di patate.

Spolverate il piano di lavoro con un pizzico di farina. Tagliate un pezzo di impasto. Realizzate dei filoncini dello spessore di un pollice. Senza aggiungere farina, nel caso dovesse attaccare, spolveratevi solo le mani, affettate ogni filoncino ogni 2/3 cm, in modo da ottenere dei piccoli cilindri.

Man mano che realizzate i vostri gnocchi, disponeteli in vassoio o tagliere leggermente infarinato, in questo modo potrete cuocerli agevolmente versandoli direttamente nella pentola senza spostarli singolarmente.
Procedete in questo modo fino ad esaurimento degli ingredienti. Lasciate quindi riposare all’aria per circa 20 – 30 minuti.

Si deve operare la cottura in una pentola grande e spaziosa con abbondate acqua e sale grosso q.b. e, perché no, un filo di olio anche evo. Gli gnocchi vanno immersi delicatamente direttamente dal piano dove alloggiati. con una raschietta o un tarocco, evitate di prenderli con le mani, altrimenti rischiate di deformare l’impasto. Una volta staccati
di pochi millimetri tutti gli gnocchi dalla loro posizione, fateli scivolare direttamente in pentola. Non girate in fase di cottura e soprattutto non fatelo velocemente, potrebbero perdere la loro forma.
Gli Gnocchi di patate sono pronti quando salgono completamente in superficie. Scolateli con un mestolo forato inserendoli a mano a mano direttamente nella padella dove avete precedentemente preparato il condimento. Evitate di scolarli nello scolapasta, rischiereste di ammassarli rovinandone la forma.


Per la crema:

Prendete i ceci (dopo averli sbollentati in acqua) e saltateli con il soffritto di cipolla rossa per 5/6 minuti circa, aggiustando di sale e pepe. Prendete quindi il contenitore del mixer, versate il tutto e frullate fino ad ottenere una salsa abbastanza liquida aggiungete olio evo se necessario e/o acqua di cottura.

Incorporate i filetti di “Aringa” alla crema di ceci.

Dopo aver prelevato gli gnocchi, versarli quindi direttamente nella padella ed amalgamate il tutto facendolo andare per qualche istante.

Tenete un filettino di aringa e qualche julienne di cipolla rossa anche cruda a parte per la guarnizione


Andiamo ad impiattare

Consiglio di utilizzare un bel piatto a contrasto. posizionare al centro gli gnocchi e guarnire con la glassa di mirtilli, qualche mirtillo fresco, la julienne di cipolla, la bottarga di Muggine e un filo di olio evo.

Buon appetito e buona quaresima.
Ristorante “Scacciapensieri”
Chef Nicola Bertossi

EMMEGIÒ S.R.L. – CONTRIBUTI PUBBLICI

Denominazione e codice fiscale del soggetto ricevente: EMMEGIÒ S.R.L. – P.IVA/C.F. IT02198430304

Denominazione del soggetto erogante: AGENZIA DELLE ENTRATE

Somma incassata o valore del vantaggio fruito: € 17.530,00

Data di incasso: 09/04/2021

Causale: CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO – DECRETO RISTORI 


Denominazione e codice fiscale del soggetto ricevente: EMMEGIÒ S.R.L. – P.IVA/C.F. IT02198430304

Denominazione del soggetto erogante: Centro di Assistenza Tecnica alle Imprese del Terziario S.r.l.

Somma incassata o valore del vantaggio fruito: € 2.500,00

Data di incasso: 27/04/2021

Causale: CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO A RISTORO DEI DANNI CAUSATI DALL’EMERGENZA COVID-19


Denominazione e codice fiscale del soggetto ricevente: EMMEGIÒ S.R.L. – P.IVA/C.F. IT02198430304

Denominazione del soggetto erogante: AGENZIA DELLE ENTRATE

Somma incassata o valore del vantaggio fruito: € 17.530,00

Data di incasso: 24/06/2021

Causale: CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO – DECRETO RISTORI 

Marina Danieli Wine Club – Selezione invernale 2021

L’inverno secondo Marina Danieli

Aggiornamenti dal mondo

Il mondo del commercio, purtroppo, non sta passando uno dei migliori momenti in quanto i costi delle materie prime sono aumentati a dismisura per via di mancanza di prodotti e richiesta altissima. A cascata stanno quindi aumentando i costi dei prodotti in generale, il che incide sulla vita quotidiana di chiunque.

Noi, da parte nostra, stiamo cercando sempre più di approvvigionarci da produttori locali per quanto riguarda la fornitura del materiale, selezionando con cura chi ha buoni prodotti in linea con la nostra filosofia ad un prezzo concorrenziale, questo per mantenere, quanto possibile, i prezzi dei nostri vini invariati per il prossimo anno. Facciamo quotidianamente del nostro meglio effettuando ricerche e studi molto approfonditi!

Ti presentiamo l’uomo delle fragole

Ci piacerebbe farti conoscere, poco alla volta, le persone che fanno la nostra grande Famiglia, che stanno dietro le quinte ma che sono di fondamentale importanza per la riuscita di prodotti eccellenti, grazie agli studi e all’esperienza pluriennale nel settore.

L’uomo delle fragole, che desidera rimanere anonimo (e che d’ora di avanti sarà UDF), è un ragazzo che lavora con noi dal 2013. Dopo essersi laureato in ‘Scienze e tecnologie dell’ambiente e della natura’ ha girato il mondo ma gli rimane il suo grande sogno nel cassetto di visitare il Sud America.

“Attualmente mi occupo delle lavorazioni delle vigne e dell’approvvigionamento dello Staff dell’ufficio di fragole genuine e succose; la cosa più soddisfacente del mio lavoro è sperimentare quotidianamente quello che ho studiato. Giorno dopo giorno mi rendo conto di quanto la natura sia perfetta e quanto i meccanismi naturali siano profondi. Tutto questo grazie alla costante osservazione e scoperta del mondo naturale che ha regole molto complesse e basate su dettagli, che variano di continuo. Osservazione, sacrificio, energia e tanta passione sono determinanti! “

UDF è appassionato di caccia, e prima delle sue uscite, fa scorta del suo vino preferito, il Merlot CLAMA DOC Friuli Colli Orientali 2018 che abbinato alla cacciagione fresca, scottata alla griglia, è semplicemente fenomenale!!!

La selezione invernale

I profumi di abete, cannella e panettone appena sfornato inebriano le nostre case. Si sta avvicinando il periodo delle Feste che speriamo, almeno quest’anno, di poterlo trascorrere con i nostri cari. Per regalarti una ‘coccola’ durante le Feste abbiamo pensato a dei vini studiati attentamente per un menù Natalizio con i fiocchi!

Ribolla Gialla DOC Friuli Colli Orientali 2020

Un vino fresco, giovane e di bella acidità. Il colore è brillante con delle sfumature verdi, il profumo è delicato ed elegante, in bocca si percepisce bene la nota floreale. Abbinalo a tutti i piatti a base di pesce, questo vino ti pulirà la bocca e lascerà una piacevole freschezza! Ti consigliamo di provarlo abbinato ad un antipasto di origine russa che si chiama ‘Blinis‘ ed è davvero goloso. Non dimenticare di ascoltare una musica super natalizia come l’intramontabile ‘Jingle bells rock‘.

Merlot Clama DOC Friuli Colli Orientali 2018

Ogni promessa è un ordine per noi del Marina Danieli Estate! Qualche mese fa ti abbiamo parlato di questo vino e del fatto che non fosse ancora pronto per essere messo in commercio. Ora è finalmente arrivato il momento giusto per fartelo assaggiare e farti INNAMORARE perdutamente del Merlot Clama, ottenuto dalle nostre meravigliose colline di Buttrio.

Trova una bella poltrona dove rilassarti, versa un po’ del contenuto della bottiglia in un bicchiere ampio, fai roteare il vino e portalo al naso. L’esplosione di profumi è una fusione tra i frutti di sottobosco e la tostatura delle barrique dove è stato affinato. In bocca ritroviamo la complessità ma anche la freschezza di un vino che ha ancora moltissima strada da fare! Come suggerito da UDM l’abbinamento per eccellenza è con la cacciagione, quindi proponiamo un piatto classico e intramontabile quale il cinghiale brasato con la polenta. Non a caso come musica ti suggeriamo di ascoltare ‘All I want for Christmas is you‘!

BRUT MUS – VINO SPUMANTE CHARMAT CHARDONNAY

Immancabile la bollicina per festeggiare l’arrivo del nuovo anno! Questo vino va servito molto freddo, anche nei bicchieri ‘flute’, ed è la perfetta alternativa al classico ‘Prosecco’.

Accompagna eccellentemente tutti i ‘cin-cin’! Utilizza questo vino per stupire i tuoi ospiti realizzando un risotto allo spumante con limone e rosmarino e, mentre lo cucini, ascolta una playlist natalizia firmata dall’immancabile ‘Michael Bublè‘.

Hai perso la scorsa selezione del Wine Club?

Scoprila ora e affrettati ad ordinarla!


PRANZO DI NATALE- Ristorante Scacciapensieri

Sfoglia al Montasio Dop con fichi e Culatello di San Daniele

Cialda croccante pere glassate, guanciale friulano e formadi frant

Mozzarelline della malga con spuma di lime e bottarga

Insalatina di spinaci, mela e pistacchio


Vellutata di patate con cioccolato bianco e variegata di uova di lompo


Cappelletti al crudo nel brodo di cappone profumato ai porcini

Panciotti ripieni di capesante e gamberi su riduzione di pomodorini dolci e burratina friulana Igp


Lime e zenzero al cucchiaio tequila bianca e basilico


Filetto di cervo in crosta di pistacchio, crema di cannellini e uva glassata


Crumble di panettone su crema di mascarpone e miele

L’arte del Tiramisù nel lingotto al cioccolato

PREZZO: € 65,00 a persona – acqua e caffè inclusi


Non sai cosa regalare per Natale ai tuoi cari o amici?

CENE AZIENDALI

Villa Dragoni Florio

MENÙ 1

Aperitivo di Benvenuto con bollicine di ingresso

Quattro stuzzichini che spaziano dai gusti tipici del nostro territorio a quelli più originali

Due primi a scelta

Secondo con contorno

Dolce a scelta monoporzione a servizio

PREZZO: € 35,00 a persona


MENÙ 2

Aperitivo di Benvenuto con bollicine di ingresso

Quattro stuzzichini che spaziano dai gusti tipici del nostro territorio a quelli più originali

Due primi

Sorbetto gelato di stagione a cucchiaio

Secondo con contorno

Dolce a scelta monoporzione a servizio

PREZZO: € 50,00 a persona


MENÙ 3

Aperitivo di Benvenuto con bollicine di ingresso

Otto stuzzichini che spaziano dai gusti tipici del nostro territorio a quelli più originali

Due primi risotto gourmet o pasta fresca con carne o pesce

Sorbetto gelato di stagione a cucchiaio

Due secondi del nostro territorio rivisitato dallo chef, con contorno

Tre dolci a scelta monoporzione a servizio

PREZZO: € 70,00/80,00 a persona


Vini di nostra produzione in abbinamento a € 5,00 a persona

Affitto sala Dei Putti in Villa Dragoni: € 550,00

Ristorante Scacciapensieri

Marina Danieli Wine Club – Selezione autunnale 2021

L’autunno secondo Marina Danieli

VOLERE È POTERE

Con immensa gioia condividiamo con te il successo del progetto di Crowdfunding.

Abbiamo raggiunto e superato, grazie all’impegno di tutti i nostri sostenitori, il traguardo che ci eravamo prefissati. Grazie di cuore, ogni piccolo gesto è stato di fondamentale importanza per il raggiungimento del traguardo!

Ora potremo procedere all’acquisto delle nuove barbatelle che andranno successivamente innestate con il corredo genetico delle vecchie piante, così da poter produrre per moltissimi anni ancora il nostro unico e inimitabile Pinot Grigio RAMATO.

L’andamento della stagione

Quest’anno l’estate è stata disomogenea per quanto riguarda il suo andamento climatico. Qui in Friuli abbiamo avuto il mese di maggio molto freddo e piovoso rispetto a quello a cui eravamo abiutati negli ultimi 20 anni. Questo ha portato ad avere, a causa delle piogge, una fioritura disomogenea, con varietà come il Merlot, e di conseguenza grappoli con pochi acini spargoli.

La seconda metà dell’estate è stata invece una delle più calde e secche degli ultimi 10 anni portando ad avere delle temperatura a luglio ben al di sopra della media; di conseguenza le nostre viti hanno rallentato il loro ciclo vegetativo e accumulato un ritardo nella maturazione dei grappoli. Solo grazie a queste ultime piogge le nostre viti stanno completando la maturazione dei grappoli portando ad avere, come una volta, l’inizio della vendemmia nei primi giorni di settembre. Grazie a questi sbalzi di temperatura di quasi 15 gradi tra mattina e sera, viene indotta la pianta a produrre tannini e molecole che renderanno i nostri vini ricchi di corpo e profumi.

Cosa sta succedendo in cantina?

Queste due settimane di ritardo nelle maturazioni in vigna ci hanno permesso di avere più tempo per organizzarci in cantina e finire gli ultimi imbottigliamenti prima che arrivino le uve. Questa fase è molto importante in quanto, nel momento in cui le prime uve dell’anno vengono processate e iniziano a fermentare, la cantina viene “inondata” di lieviti e microrganismi vari (fondamentali nel processo fermentativo) che però, allo stesso tempo, possono contaminare il vino finito pronto all’imbottigliamento creando problemi indesiderati. E’ per questo che di norma durante la vendemmia tutte le operazioni che interessano i vini “vecchi” vengono sospese e ci si concentra solo ed esclusivamente sui nuovi arrivati.

Quest’anno abbiamo in cantina un “team” vario composto da un ragazzo della Puglia, Giuseppe, e uno della Basilicata, Ettore, che si aggiungono all’enologo che lavora con noi dal 2016, Thomas, ed al suo braccio destro, Alessandra, una ragazza friulana che vive qui vicino; il gruppo sembra essere molto valido e già affiatato. Insieme vivranno le prossime 6 settimane a strettissimo contatto tra lavoro duro, tensione, ma anche gioia e grande soddisfazione. Ce la faranno anche quest’anno nella titanica impesa di uscire vivi dalla vendemmia! 😉

La selezione autunnale

Nonostante le bellissime giornate ed il sole splendente che ancor ci scalda, dobbiamo prepararci all’arrivo della stagione di transizione. I vini che ti proponiamo sono perfetti per questo periodo dell’anno per intensità, profumi, e piacevolezza.

PINOT GRIGIO DOC FRIULI COLLI ORIENTALI 2019

È doveroso, dopo avertene tanto parlato, farti assaggiare la nuova annata di Pinot Grigio proveniente dal vigneto K2. Aprendo la bottiglia e versando un po’ di vino in un ampio bicchiere, noterai immediatamente l’unicità del colore: ramato brillante, quasi tendente al rosa. Chiudi gli occhi, fai roteare il bicchiere e, portandolo al naso, si sprigioneranno intensi profumi di fiori e pesca, che si percepiranno nettamente anche durante l’assaggio. Un vino fresco e schietto, grazie alla macerazione pellicolare si percepisce bene il tannino che lo rende un gran vino bianco potente.

Lo abbiniamo ad un aperitivo a base di crostini con funghi porcini, e alla canzone di All Saints, ‘Pure Shores’.

PINOT NERO DOC FRIULI COLLI ORIENTALI 2016

Un vino rosso nobile, la cui terra di origine è la Borgogna, arrivato in Italia attorno al 1800, ora conta 5050 ettari in tutta Italia.

L’uva di Pinot Nero è la prima che raccogliamo, la fermentazione avviene in vasche di acciaio per ottenere un vino molto fruttato con accenni di ciliegia e lampone, dotato ti tannino fine ed elegante. Questo vino è estremamente versatile, perfetto per abbinare piatti delicati e semplici come un risotto a base di mirtilli e speck.

Degustalo ascoltando la bellissima Read All About It di Prefessor Green e Emeli Sandè.

MERLOT DOC FRIULI COLLI ORIENTALI 2016

Abbiamo 8 ettari di questa varietà, la maggior parte di essi si trova sulle colline di Buttrio. Le vigne sono molto vecchie, e producono ancora ecccellenti uve che ci regalano un vino di gran corpo e sapidità. Al naso è intenso, con note di rosa selvatica, in bocca è morbido e persistente.

Squisito l’abbinamento con le costine di maiale al forno. Non può mancare l’abbinamento musicale con l’intramontabile Only Time di Enya.


Hai perso la scorsa selezione del Wine Club?

Scoprila ora e affrettati ad ordinarla!


FAQ – Le vigne in festa 2021

Tutte le domande e le risposte alle domande più frequenti sull’evento del 20 luglio 2021.

Come mi devo vestire?

La location dell’evento è un vigneto denominato K2 (che, come dice il nome, è molto scosceso), ti consigliamo di vestirti in maniera comoda con scarpe da ginnastica perchè il terreno sarà leggermente dissestato. Ricordati di portare con te un prodotto ‘anti-zanzare’.

Ci saranno tante persone?

Quest’anno, rispetto agli ultimi due anni, il numero sarà decisamente ridotto in quanto consideriamo di essere tra le 80 e le 120 persone al massimo. Vogliamo garantire sicurezza e serenità a tutti i partecipanti e allo Staff che quella sera lavorerà per rendere memorabile la serata.

Devo fare il vaccino anti COVID-19 oppure un tampone per poter accedere all’evento?

No, non è necessario. Ci siamo ampiamente informati con i nostri consulenti sulla sicurezza e ci hanno confermato che, trattandosi di una festa, non è necessario che ci siano questi obblighi.

Devo indossare la mascherina?

La mascherina è assolutamente indispensabile: la location è all’esterno ma, ogni qualvolta la distanza sociale non sia di almeno un metro tra una persona e l’altra, sarà necessario indossare la mascherina.

Come verranno composti i tavoli?

I tavoli saranno da 8 persone, da 4 persone e da 2 persone. I gruppi da 8 persone e multipli saranno posizionati in tavoli riservati esclusivamente a loro, per tutti gli altri il tavolo sarà condiviso con altre persone.

Se ci dovesse essere brutto tempo che cosa succede?

Nessun problema: l’evento viene rimandato al giorno 22 luglio 2021. Ad ogni modo avviseremo tutti i partecipanti entro le ore 12:00 del giorno 19 luglio 2021.

Posso acquistare dell’ulteriore vino durante l’evento?
Certo! Ci sarà una cassa che consentirà l’acquisto di bottiglie da consumare in loco. L’acquisto anticipato, ovviamente, è più conveniente.

EVENTO NON ADATTO AI BAMBINI.

Marina Danieli Wine Club – Selezione estiva 2021

L’estate secondo Marina Danieli

L’inizio della stagione primaverile è stato particolarmente freddo e piovoso. La gelata avuta i primi di aprile ha fatto lievi danni ad alcune gemme di alcuni vigneti ma non ha compromesso la produzione. Il continuo piovere e le temperature basse secondo la media stagionale hanno portato le viti a un lento risveglio e i getti erbacei stentano un pò a crescere. Grazie alle concimazioni organiche fatte nell’autunno scorso le varietà più sensibili  stanno rispondendo bene al freddo.

La fase finale della primavera, è composta da mesi cruciali per lo sviluppo della vigna: avviene infatti la fase della fioritura, ovvero le gemme si sviluppano fino a creare i primi boccioli che nei mesi di giugno e luglio, attraverso l’allegagione, sviluppano i primi acini che saranno i frutti che bacco ha tanto amato. Se durante il mese di maggio accade quello che è accaduto quest’anno, ovvero tanta pioggia e clima fresco, la pianta si spaventa e per proteggersi mette in stand-by la fioritura. Questo crea degli scompensi fenolici che porteranno di conseguenza ad una stagione con rese di uva inferiore al normale.

…E dopo la primavera, attendiamo con ansia la stagione estiva con tutte le passioni che questa ogni anno rispolvera. L’estate è la stagione degli amori, delle nuove nascite, dei risvegli. Le nostre vigne si sono risvegliate all’insegna di un anno che attendiamo volgere alla rinascita.

UN VIGNETO HA BISOGNO ANCHE DEL TUO SUPPORTO!

Da un paio di settimane abbiamo avviato un progetto di raccolta fondi al fine di poter salvaguardare il vecchio vigneto del 1973 denominato K2 che produce il nostro unico ed inimitabile Pinot Grigio ramato. Abbiamo l’obbiettivo di raccogliere una somma tale che ci consenta di rimpiazzare le piante morte con delle nuove piante dotate del corredo genetico delle vecchie, così da poter tramandare da generazione a generazione le caratteristiche che contraddistinguono questo vino.

Dona ora e aiutaci a preservare questo vigneto storico al fine di poter regalare giorno dopo giorno ai nostri figli prodotti eccellenti. Sbrigati, hai tempo fino al 30/06/2021.


La selezione estiva

La nostra selezione per questa volta vuole riprendere i sentori corroboranti di caramella e frutti rossi con il nuovo Rosato Letizia ed accostarli alla freschezza classica del nostro Faralta Bianco, un uvaggio che sa di territorio, il nostro biglietto da visita composto da Friulano barricato e Sauvignon, per finire in bellezza con un rosso strutturato ed intrigante che è il nostro autoctono Refosco dal Peduncolo Rosso.

LETIZIA – MERLOT ROSATO IGT VENEZIA GIULIA 2019

Dalle migliore uve merlot del nostro antico vigneto Clama, abbiamo il piacere di farvi provare in esclusiva, dopo solo un mese dall’imbottigliamento, il nostro Rosè fresco e beverino. Dall’intrigante colore rosa cerasuolo, una gradazione importante e un gusto che ricorda i frutti rossi e la rosa canina, le tue sere d’estate saranno un effluvio di piaceri e sentori. Provalo in abbinamento ad un antipasto fritto oppure per i più salutisti con una semplice bistecca ai ferri accompagnata dalla hit dei Guns’n’roses, ‘Sweet child o’mine‘.

FARALTA BIANCO 2017

Per entrare in confidenza con il territorio che ci dona i frutti i bacco, abbiamo scelto il Faralta bianco, un assemblaggio di Friulano con aggiunta di Sauvignon barricato per donargli una rotondità e un gusto che non hanno concorrenti. Questo è il vino che parla di noi e del modo in cui ci piace creare ed osare. Provalo in abbinamento ad un risotto ai frutti di mare con sottofondo la canzone di Vasco Rossi, ‘Voglio andare al mare‘.

REFOSCO DAL PEDUNCOLO ROSSO IGT VENEZIA GIULIA 2016

Per finire in bellezza cosa può esserci di meglio di un vino autoctono del Friuli Venezia Giulia? La derivazione è antichissima, il documento più antico che ne attesta la presenza in regione risale al 1452. Un vino che rispecchia in tutto e per tutto la cultura da cui deriva. Da assaggiare in abbinamento a salumi e formaggi con una hit come ‘Should i stay or should i go‘ dei The clash.

Acquista ora questa selezione di vini cliccando qui.


Hai perso la scorsa selezione del Wine Club?

Scoprila ora e affrettati ad ordinarla!